Motta, 18/02/2017

“Frenesia: stato di grande eccitazione, agitazione.”
Quest’idea mi ha accompagnata durante tutto il concerto di Motta: c’era frenesia nelle batterie rullanti, nel suo agitarsi convulso sul palco, nell’esplosione rabbiosa dei suoi riccioli neri (prima di ieri ero convinta di avere tantissimi capelli, ora non lo so più…) nell’asprezza della sua voce e dei testi intrisi di quel casino raggrumato che è la mia generazione, che alla “fine dei vent’anni” alza il volume dell’iPod per non pensare, perché tanto “prima o poi ci passerà”.

Fil rouge dell’album è un senso di inadeguatezza, un’energia primitiva, una frenesia, appunto.

Motta, Retronouveau, 18/02/2017motta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...