Un saluto.

fiori-rosa-fiori-di-pesco.jpg

 

I ricordi dell’infanzia sono un’accozzaglia di particolari a cui il tempo dà significato. E’ come se fossero delle domande in attesa di una risposta che arriva all’improvviso, anni dopo.

Ci sono tre bambini che pranzano insieme dopo la scuola nella cucina di un appartamento al centro. Sono a Foligno, ovviamente, è autunno e viale Firenze è ingiallito. Mangiano degli spaghetti con la scorza di limone e sperano di avere il permesso di uscire da soli, ché tanto la strada la sanno già attraversare e la Standa è vicina.

Ci sono altri particolari: i tuoi orecchini di pietre piccole, i tuoi capelli lisci, i compiti di francese dei tuoi alunni, la fonduta di formaggio di quella cena tutti insieme e tu che piangi quando alla tv dicono che è morto Lucio Battisti.

La tua canzone preferita non la ricordo, a me quel signore serio faceva tristezza.

Oggi mi sono svegliata ripensando a “fiori rosa, fiori di pesco”, forse perché è primavera.

Oggi che non ci sei, piango io.

Ciao Gegè.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...