Di Erlend Øye, delle zone balneari e di posti da inventare.

Credo sia impossibile assistere ad un concerto di Erlend Øye senza sorridere.  Ieri sera ha regalato un piccolo cameo in formazione intima, solo corde, con altri tre della “comitiva” , Stefano Ortisi, Luigi Orofino e Marco Castello, che ha presentato con orgoglio. Inevitabile pensare ai Kings of Convenience ed al loro indie pop soleggiato, ma…