Giorgio Poi, 6/01/2018

Giorgio Poi sale sul palco con puntualità, insolita per questi casi, ed un cappellino con visiera. I testi sono quelli allucinati e sconnessi dell’indie, per lo più rivolti ad una “lei” a cui quasi sempre non si riesce a comunicare quello che si vorrebbe. Credo che l’eredità che Giorgio Poi raccolga dal cantautorato -oltre a…